sabato 7 maggio 2016

BIBLIOTECHE E MUSEI SI APRONO ALL'IMPRESA PRIVATA

Luoghi di cultura come l'Accademia delle Scienze, il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milanoil Planetario di Torino Infini.to, il MUSE di Trento o i musei di Roma Capitale  solo per fare un esempio, permettono già da anni di utilizzare le loro splendide location fornendo spazi e sale che si adattano all’organizzazione di workshop, meeting aziendali, convention, seminari, feste private, eventi sociali e matrimoni in un’atmosfera unica e suggestiva.
Banchetto realizzato nella splendida cornice della biblioteca dell'Accademia delle Scienze di Torino 

Il fenomeno dei musei che aprono le proprie sale alle iniziative dei privati e delle aziende ha registrato negli ultimi anni una considerevole diffusione anche in Italia, come già avvenuto all'estero,  ed ha assunto un’importanza significativa nell'ideare nuove forme di marketing relazionale rivolte al consumatore postmoderno, verso gli stakeholder value approach e la connessa corporate social responsability
Detto in parole più semplici: le aziende si fanno carico di sponsorizzare realtà come i luoghi di cultura  in cambio di reciproca visibilità e cooperazione nell'organizzazione di iniziative.
Organizzare un evento è un modo per sostenere il Museo nella realizzazione della sua missione e dei numerosi progetti rivolti a un pubblico sempre più ampio.

Brochure eventi corporate di Roma 
.

Il Museo diventa così luogo a disposizione per agenzie di pubblicità, agenzie fotografiche, location scouting, case di produzione e centri media che intendono realizzare format, spot pubblicitari, shooting fotografici e riprese video in un ambiente unico ed originale.

Aziende e Istituzioni possono così legare la propria immagine al patrimonio culturale, scegliendo lo come scenario di eventi curati nei minimi dettagli, in luoghi di ineguagliabile bellezza, unici per valenza storico artistica e per funzionalità degli spazi.

Una collaborazione con le imprese che non può che fare bene alla cultura,  oltre all’obiettivo primario di contribuire alla diffusione della cultura scientifica, che ha anche lo scopo di generare un  considerevole indotto economico. Un “valore aggiunto”, quindi, una filosofia che ha costituito la base per permettere ai musei di aprirsi alle aziende e farsi portavoce in modo concreto della possibilità di avviare delle collaborazioni tra pubblico e privato, in una logica condivisa e fondata su valori solidi.


Nessun commento: