mercoledì 2 marzo 2016

COS'È L'ANGIOMA E QUALI TRATTAMENTI ESTETICI SI UTILIZZANO PER ELIMINARLO

Si sente spesso parlare di angioma, ma che cos'è esattamente? E come si cura?
L'angioma cutaneo o angioma della pelle è una neoformazione benigna dovuta a un anormale sviluppo dei vasi sanguigni o linfatici.  La forma più comune si chiama emangioma, ovvero è una macchina cutanea dovuta a un accumulo di vasi sanguigni in un punto del corpo che appare  alla nascita o nel corso del primo anno di vita e che poi recede  spontaneamente nel tempo. 

Emangioma - Shutterstock 

.
L'emangioma è all'inizio rosato per poi passare a un colore rosso scuro o viola, e un tempo proprio per il colore e la loro forma queste neoformazioni erano dette "voglie di fragola". 

La grande maggioranza di questi angiomi non comporta complicazioni. È raro che quando si forma nei primi dodici mesi di vita l'angioma sia ancora presente dopo i dieci anni di età.

Riguardo le cause dell'angioma alla nascita forse può essere correlato con delle  proteine che si formano nella placenta  durante la gravidanza.

Gli emangiomi si presentano come macchie di colore rosso scuro quando sono avanzati.  Dal secondo anno di vita però di solito l'angioma presente alla nascita va in calando per poi scomparire lentamente del tutto.  

La maggior parte degli emangiomi non richiede trattamento. In ogni caso, se sono in forma  severa è possibile effettuare la rimozione chirurgica estetica e il trattamento con dei farmaci specifici.

Molto più raro invece è il linfangioma, malformazione che colpisce i vasi linfatici ed è di natura capillare o cistica, solitamente appare  nei bambini sotto i due anni e  sulla testa o il collo, con  formazione di  massa sottocutanea che può  portare qualche pericolo se va a comprimere gli organi interni.
Il linfangioma ha  cause genetiche, fra cui la sindrome di Tuner (una anomalia dei cromosomi), ma anche per traumi, infiammazioni o ostruzione nei vasi linfatici.
I linfangiomi possono necessitare  la rimozione chirurgica  per prevenire problemi derivanti dalla pressione sugli organi interni che alla lunga può divenire pericolosa.

Non esiste nessun metodo di prevenzione per gli angiomi o i linfoangiomi.

Queste macchie della pelle tendono ad allargarsi e accentuare il colore nel tempo se hanno  origine di tipo vascolare e se si sviluppano in individui adulti.   Per cancellare un angioma con le tecniche di medicina estetica si utilizzano solitamente delle terapie compressive, farmaci, e sopratutto  terapia chirurgica o trattamenti laser.
Gli angiomi vengono suddivisi, secondo la loro forma, rilevanza e colore, in angiomi piani, stellati e rubino, i tipi di angioma noti sono angioma piano, emangioma infantile, angioma venoso, linfangioma, angioma stellare, 
angioma artero-venoso, angioma cavernoso, nevo flammeo, fibroangioma e angioma tuberoso.

Trattamenti estetici per l'angioma

Gli angiomi possono essere tutti rimossi con successo attraverso una metodica estetica detta  Dye laser, oppure con la Luce pulsata (IPL), e n-yag a seconda della loro tipologia  e questo lo deve valutare il medico estetico dopo una accurata visita medica.
I trattamenti laser oggi usati per cancellare un angioma, si effettuano con due o tre sedute a seconda della dimensione dello stesso e non lasciano cicatrici sulla pelle.

prima di eseguire un tipo di trattamento laser per eliminare l'angioma è  importante scegliere un centro laser abilitato dove lavorano medici preparati e competenti.

Dye laser

Il dye laser è laser utilizzato in estetica per trattare tutti gli in estetismi della pelle che hanno colore rosso, infatti agisce solo su questo tipo di pigmento.
E' selettivo e  indicato inoltre anche per il trattamento di:

Capillari (teleangectasie), couperose e rosacea, cicatrici in fase infiammatoria, angiomi (piani, stellari, rubino), eritrosi, matting teleangectasico, pecilodermia di Civatte (una  couperose sul collo)
e smagliature in fase infiammatoria

Il Dye laser oggi è in grado di trattare solo i vasi superficiali, il trattamento è indolore e dopo varie sedute si hanno risultati di progressivo sbiancamento della zona trattata.
Si deve evitare assolutamente l'esposizione al sole o a lampade UVA nelle settimane prima del trattamento e anche evitare di assumere farmaci fotosensibili e nel   post-operatorio
si applica una pomata antibiotica sulla superficie trattata per diversi giorni. Se ci si espone al sole dopo vari giorni mettere sempre una cream protettiva.

Medicina estetica - Shuttestock

.
Luce pulsata

La luce pulsata detta anche IPL (Intense Pulsed Light) è una innovativa tecnica per gli inestetismi della pelle.
In pratica si ha emissione di energia luminosa, che va a colpire la zona interessata senza intaccare i tessuti circostanti.
Si utilizza per:
Couperose e rosacea, macchie della pelle, iperpigmentazioni, lesioni pigmentate, macchie solari
per il ringiovanimento cutaneo non ablativo e la depilazione definitiva e per la rimozione di tatuaggi.

La luce pulsata è indicata in particolare per il  ringiovanimento cutaneo e l'epilazione definitiva.

La prima fase del trattamento va a applicare  un apposito gel conduttore nella zona interessata. Tramite un apparecchio si inviano gli impulsi di luce,  a intervalli regolari che agiscono in profondità.   La singola seduta va intorno ai 30 minuti e deve essere ripetuto il trattamento  4- 6 volte ca.
Prima del trattamento non ci si deve esporre a raggi UV nè assumere farmaci sensibili alla luce e dopo applicare sempre una cream protettiva se ci si espone al sole.

N-yag

La tecnica laser ND-Yag è indicata  per il trattamento di Capillari, microvarici e  attualmente è considerata il sistema laser che  da i migliori risultati per curare le teleangectasie degli arti inferiori.

L’effetto del calore emanato dal raggio laser viene concentrato sui capillari e provocandone la chiusura mentre la cute non viene  mai danneggiata.
Per far scomparire  i capillari si fanno di solito tre sedute, a distanza di due mesi ta loro.

Evitare  l'esposizione ai raggi solari e lampade UVA nelle settimane precedenti il trattamento e nemmeno assumere farmaci sensibili alla luce.
Nel post-operatorio si deve applicare una pomata antibiotica per alcuni giorni e prima di esporre la zona trattata al sole mettere una crema protettiva, questo per evitare iperpigmentazioni.



2 commenti:

Carmela ha detto...

Salve. Complimenti, articolo completo. Volevo capire che differenza ci sia tra angioma ed emangioma? Ho letto alcune info su [omissis], ma vorrei sapere se qualcuno di voi, può fornirmi maggiori info. Grazie mille.

Federico ha detto...

Ciao Carmela, da quello che ho letto su emangioma.net, la differenza è sopratutto nella terminologia. Spesso si fa confusione, perchè qualsiasi anomalia vascolare, viene genericamente chiamata angioma. L'emangioma invece fa parte dei Tumori Vascolari, e si presenta con una macchia, che si manifesta dopo la nascita e si inspessisce. Io non sono un Medico, ma se cerchi bene in rete, puoi trovare veramente tanti consigli e spiegazioni più dettagliate delle mie. Lo stesso sito, sopra citato, rappresenta un'ottima risorsa.