domenica 7 febbraio 2016

VOLTURA E SUBENTRO LUCE E GAS: 5 COSE FONDAMENTALI DA CONOSCERE

Voltura e subentro luce e gas: cosa sono? Come risparmiare? Come richiederle? Ecco 5 cose fondamentali da conoscere su pratiche e costi...


Luce e gas: voltura o subentro?  - Shutterstock


Privati e aziende possono prima o poi avere necessità di effettuare i processi di voltura e subentro luce e gas: quando? Ammettiamo che abbiate scelto il fornitore di gas e luce nella maniera tradizionale, confrontando vari preventivi oppure cercando il fornitore più conveniente su comparatori on line accreditati come SuperMoney, che tra le altre cose ha un'interessante videoguida su come effettuare voltura e subentro luce e gas:  può capitare di dover trasferire la vostra attività o di dovervi trasferire con la famiglia. E le utenze di gas e luce? Qui entrano in gioco voltura e subentro, che illustreremo in 5 semplici punti fondamentali da conoscere per risparmiare.

1) Cos'è la voltura?

Come spiega l'Autorità per l'Energia, la voltura è il contemporaneo passaggio del contratto di fornitura da un cliente a un altro senza interruzione del servizio, ovvero dell'erogazione di luce e gas. 

Se andate ad abitare in affitto o cambiate sede alla vostra azienda e volete intestarvi il contratto di luce e gas dell'inquilino precedente, state facendo una voltura.

2) Cos'è il subentro?


Il subentro, invece, è l'attivazione della fornitura da parte di un nuovo cliente, una volta che il contratto del precedente cliente è cessato, e che lo stesso cliente ha chiesto la disattivazione del contatore a lui intestato.

3) Quali sono le procedure per la voltura?

Per la voltura di luce e gas la procedura da seguire non è complessa: la richiesta può essere comodamente fatta via telefono, mail o fax, e prevede costi aggiuntivi stabiliti annualmente dall’Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, che saranno inseriti nell'importo della prima bolletta.

L'operazione di voltura verrà svolta immediatamente e obbliga il cliente, al suo completamento, a inviare all'utility la documentazione ricevuta con indicati i seguenti dati:

  • dati anagrafici, il codice fiscale e partita IVA;
  • recapito telefonico;
  • codice PRD: Punto di Riconsegna che si trova sul contatore o nelle bollette.
4) Quali sono le procedure per il subentro?

Per quanto riguarda le procedure per il subentro di luce e gas sono più complesse, ma non spaventatevi. Innanzitutto bisogna far richiesta alla propria compagnia energetica, che provvederà a contattare il proprio cliente entro 10 giorni per fissare un appuntamento; seguirà un incontro con il tecnico, il cliente o un suo delegato per effettuare l'operazione.

I documenti e le informazioni necessarie da presentare sono:
  • il codice PDR;
  • l'indirizzo della fornitura;
  • i dati anagrafici dell'intestatario del contratto (con annessi codice fiscale e P.IVA se liberi professionisti);
  • un recapito telefonico;
  • la matricola del contatore, ma solo in alcuni casi (per sicurezza meglio conoscerla).
5) Voltura e subentro luce e gas: quanto costano?

Precisiamo che, sia per la voltura, sia per il subentro, sono previsti dei costi che, nel caso del mercato libero variano di fornitore in fornitore: per conoscerli nel dettaglio è consigliabile visitare il sito Internet delle vostre utility, sapendo che anche nel caso del regime di maggior tutela i costi aggiuntivi verranno addebitati nella prima bollette.


I costi di voltura o subentro luce in regime di maggior tutela sono fissati dall’Autorità, e, nel caso non si richieda aumento di potenza contrattuale, sono pari a:

  • 27,59 € per oneri amministrativi
  • 23 € contributo fisso (in caso di subentro, il distributore può richiedere un altro contributo)
  • 16 € imposta di bollo.
Il costo totale dell'operazione è quindi di 67 € circa. Questa cifra va sommata all’eventuale deposito cauzionale a discrezione del fornitore di elettricità.

Nel mercato libero, invece, il costo di voltura o subentro luce comprende:

  • un contributo fisso di 27,59 € per oneri amministrativi
  • una quota di servizio determinata dal fornitore e che può variare considerevolmente.

Oltre ai contributi amministrativi e di servizio, il fornitore può richiedere di pagare l'imposta di bollo di 16 € e il versamento di un deposito cauzionale.

Per quanto riguarda la voltura e il subentro del gas i costi amministrativi e commerciali d a carico del cliente variano da un fornitore all'altro e sono indicati nel contratto


Questa breve guida vi permetterà di eseguire in tutta facilità i processi di voltura e subentro luce e gas, risparmiando tempo e denaro.

Nessun commento: