martedì 22 dicembre 2015

FONDAZIONE SORELLA NATURA: PROSPETTIVE DOPO LA CONFERENZA ONU DI PARIGI

Domenica 20 dicembre 2015, alle ore 15.30, a Bologna presso la Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII e alla presenza del Ministro per l'Ambiente Gian Luca Galletti si è svolto il seminario: La custodia del creato - Prospettive dopo l’Enciclica “Laudato si” e la Conferenza ONU di Parigi”.

Promosso dal Ministero dell’Ambiente, e dalla Fondazione Sorella Natura nell’ambito di un articolato programma di interventi di formazione e di sensibilizzazione sull’importanza della promozione e protezione ambientale, l’incontro intende raccogliere ed approfondire i numerosi stimoli e le prospettive offerti dall’Enciclica “Laudato si”” e dall’accordo sul clima raggiunto alla conferenza ONU di Parigi.

Tutte le foto dell'evento

Al centro del dibattito nuove opportunità per lo sviluppo sostenibile dei paesi più poveri, i partecipanti al seminario esamineranno anche le principali questioni riguardanti la tutela dell’ambiente in Italia, tra cui il dissesto idrogeologico, la qualità dell'aria, la green economy, le fonti rinnovabili e il progetto strategico di educazione ambientale permanente.


Antonio Fago, vicepresidente della Fondazione Sorella Natura
e il Ministro per l'ambiente Gian Luca Galletti 
Antonio Fago, Vicepresidente della Fondazione Sorella Natura, ha conversato a lungo con il Ministro per l'Ambiente sollecitando una maggiore partecipazione del Governo verso l'area conosciuta come Ilva di Taranto.

Fago ha espresso al Ministro preoccupazione per l'area di Taranto occupata dall'Ilva, sotto i riflettori da decenni per l'inquinamento e il depauperamento dell'area. Ma ha anche indicato una via di uscita.
“Innanzitutto iniziando a pensare - ha affermato Fago - che fabbrica e cittadino possono e devono convivere ma solo se le prime non continueranno a inquinare il territorio. Perché sono sempre stato uno dei fautori della chiusura dell'Ilva? Perché la levitazione di malattie dell'apparato respiratorio e di tumori non è assolutamente barattabile o condizionabile da ricatti occupazionali. Mi spiego: è inconcepibile che le famiglie per ottenere lavoro si debbano ammalare. 

La logica del padrone delle ferriere, finora, è sempre stata l'idea che Taranto sia una colonia dove sia possibile arrivare, desertificare e fare profitti senza applicare la legge. Questa idea di "lavoro" deve finire, e il ruolo del Comune dovrà essere sempre più di vigilanza assumendosi le responsabilità, adeguandosi con strumenti tecnologicamente adatti, di realizzare un monitoraggio ambientale che tenga sotto controllo in maniera costante e continuativa l'ambiente. Deve cioè assumere un atteggiamento rigoroso nella verifica dei limiti delle emissioni nell'aria, nel terreno e nelle acque e soprattutto dovrà dotare l'Assessorato alla Qualità della via, che la FUD ritiene centrale fra gli altri assessorati, di tutta quella strumentazione tecnico-amministrativa capace di far fronte all'impegno della tutela dell’ambiente”.




Il seminario ha avuto inizio alle ore 15.30.

Ha condotto i lavori Maria Pia Garavaglia, già Ministro della Sanità. In apertura, dopo il saluto e l’introduzione ai lavori da parte di Umberto Laurenti, Segretario Generale della Fondazione Sorella Natura, sono previsti gli interventi di: 

- S. E. Marçelo Sanchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze 
- S.E. Enrico Dal Covolo, Rettore della Pontificia Università Lateranense
- Alberto Melloni, Segretario della Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII 

Alle 16.40, riflessioni del Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti su: “Conferenza Onu di PARIGI: aspettative, esiti e prospettive”. 

Alle 18.00 - Roberto Leoni, Presidente della Fondazione Sorella Natura, presenta il progetto strategico di educazione ed azione ambientale “Volontari Amici del Creato” e “Guardie Ambientali Volontarie Amici del Creato”.

Il Ministro per l'Ambiente Galletti e il Presidente della Fondazione Roberto Leoni 

Tutte le foto dell'evento


Nessun commento: