lunedì 9 novembre 2015

101° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI HEDY LAMARR

Negli anni '40 la chiamarono la donna più sexy del mondo. Ma rivelò di possedere anche una mente geniale, cui dobbiamo lo sviluppo di una tecnologia sovrana del nostro tempo: lo spread spectrum, progetto che preparò la strada per la trasmissione in wireless e wifi dei moderni telefoni cellulari.

La sua biografia è uscita
recentemente in Italia per Rubettino ed.
È questa, in breve, la storia della bellissima ebrea austriaca Hedwig Eva Maria Kiesler (1913-2000), diventata diva di Hollywood con il nome di Hedy Lamarr. La donna che odiò a morte il nazismo, e che inventò il frequency hopping spread spectrum (fhss), un sistema che evita le interferenze radio. Senza quell'invenzione non esisterebbe la telefonia mobile, perché i miliardi di conversazioni senza filo che si fanno ogni giorno nel mondo interferirebbero continuamente una con l'altra in un inferno di parole e di rumori.

Hedy Lamarr entrò a fare parte del mondo dello spettacolo a fine anni venti poco più che adolescente. Hedy rinunciò così ai corsi di laurea in ingegneria che aveva intrapreso e dove era ritenuta un’allieva dall’intelligenza eccezionale.

Google pubblica un doodle celebrativo in occasione della nascita di Hedy Lamarr, che oggi avrebbe compiuto 101 anni (l'attrice è morta nel 2000, a 86 anni). 




L'illustratrice Jennifer Hom, che ha realizzato l'animazione di Google, spiega come sia riuscita a mettere in evidenza gli aspetti salienti della vita dell'attrice in una sequenza di immagini con una colonna sonora creata dal compositore Adam Ever-Hadani, secondo lo stile degli anni quaranta: la disegnatrice ha studiato a fondo le locandine dei film e le immagini pubblicitarie di quegli anni con lo scopo di riprodurre in maniera quanto più fedele possibile l'epoca storica in cui divenne celebre la protagonista.

Due note curiose. La prima è che per sconfiggere il nazismo la bellissima di hollywood organizzava serate in cui offriva a chiunque 25.000 dollari di obbligazioni per l'esercito americano in cambio di un bacio passionale, tanto che si dice raccolse anche 7 milioni di dollari in una sola notte facendo crescere ancora di più il mito della sua affascinante bellezza.

La seconda è quando, verso il finire della sua vita, la Adobe scelse il suo volto come copertina per il packaging di un software di disegno, illustrator, senza chiederne il permesso. Lamarr fece causa all'azienda e la vinse. Quello che però non vinse è il veder riconosciuta la sua invenzione, che sicuramente l'avrebbe resa anche una delle donne più ricche del suo tempo. Il brevetto, infatti, era nel frattempo scaduto, e dunque Hedy Lamarr non riuscì mai a farsi riconoscere la proprietà dell'invenzione che nel 1962 verrà adottata dagli Stati Uniti come sistema di comunicazione a bordo di tutte le navi impegnate nel blocco di Cuba. E che oggi trova applicazione non solo nella crittografia o in scopi militari, ma anche nella telefonia mobile e nei sistemi informatici wireless. Da allora sono stati registrati oltre 1.200 brevetti riguardanti la tecnologia spread spectrum, da lei ideata.

La sua figura è così rappresentativa da essere stata scelta in Italia per il sito della associazione Donne e Scienza (www.donnescienza.it), associazione che dà voce a donne che si sono distinte nella ricerca scientifica.


Nessun commento: