mercoledì 14 ottobre 2015

ROMA TRE: QUALE DIREZIONE PER L’INGEGNERIA DEL FUTURO?

INCONTRO SU “INGEGNERIA 2025” CON ESPERTI, DOCENTI E MANAGER

Città digitali e intelligenti, metamateriali che permettono l’invisibilità, abitazioni autosufficienti a impatto zero, elettrodomestici in rete, supermercati virtuali e trasporto aereo stratosferico: sono solo alcune delle tante sfide tecnologiche che, in un prossimo futuro, cambieranno radicalmente la nostra vita quotidiana e richiederanno anche nuove competenze da parte dei futuri ingegneri. 

Se ne parlerà il prossimo 13 novembre in occasione dell’incontro/dibattito “Ingegneria 2025. Quale formazione per gli ingegneri del futuro?”, organizzato dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre. A questo appuntamento, interverranno esponenti di spicco di Istituzioni pubbliche, della grande industria e anche della giovane imprenditoria, che potranno confrontarsi sul processo di rinnovamento dell’alta formazione per il prossimo decennio.

“L’offerta didattica universitaria, coniugata con la ricerca e l’innovazione, deve essere adeguata alle sfide del futuro e alle prospettive di evoluzione della nostra civiltà tecnologica”, ha spiegato il prof. Paolo Atzeni, direttore del Dipartimento di Ingegneria di Roma Tre. “Per raggiungere questo obiettivo, da tempo abbiamo avviato iniziative di collaborazione con Istituzioni pubbliche, grandi industrie, PMI, start-up, acceleratori e investitori. E, in questo incontro sul tema ‘Ingegneria 2025’, intendiamo presentare la nostra visione, ma soprattutto ascoltare indicazioni e proposte su come dovrebbe cambiare la formazione della prossima generazione di professionisti”.

Il programma dell’incontro/dibattito, che sarà aperto dal saluto del Rettore dell’Università Roma Tre, prof. Mario Panizza, prevede due sessioni pomeridiane. La prima, dal titolo “Quale direzione per l’ingegneria del futuro?”, vedrà tra gli altri gli interventi di autorevoli esponenti della Corte dei Conti e dell’Ordine degli Ingegneri, dell’Università del Texas (USA) e di aziende come Telecom Italia, Edison Energie Speciali e HFV. Seguirà poi una tavola rotonda sul tema “Quali risposte attese dalla formazione universitaria?”, che vedrà la presenza di rappresentanti di ANCE Lazio, Gazprom Neft e Res4Med, oltre che di giovani imprenditori e fondatori di start-up. 

Ulteriori informazioni saranno disponibili sul sito www.ingegneria.uniroma3.it.


Nessun commento: