venerdì 4 settembre 2015

SONO LE PMI A FARE PIÙ INNOVAZIONE IN EUROPA

Il 75% delle principali innovazioni informatiche finanziate con i fondi europei provengono dalle piccole e medie imprese. È il dato che emerge dall’Innovation Radar report della Commissione europea, che pubblica i risultati dei finanziamenti settimo programma quadro per la ricerca e l’innovazione nell’ambito delle Ict (le tecnologie di informazione e comunicazione).

I centri in europa che fanno più innovazione 

La ricerca ha evidenziato un collegamento tra il potenziale di un’innovazione e il coinvolgimento di organizzazioni di piccole e medie dimensioni nel suo sviluppo. Sono dunque le Pmi ad essere "un importante mezzo per la creazione e la commercializzazione di tecnologie innovative”.

Dal rapporto si evidenzia inoltre come l’Italia sia al quarto posto per numero di organizzazioni ad alto tasso di innovazione finanziate con fondi europei (con il 10,85% del totale) dopo la Germania (15,63%), la Spagna (12,13%) e il Regno Unito (11,95%).



L'esempio più rilevante avviene da una azienda di Pomezia, Translated, che si è classificata addirittura al secondo posto tra le piccole e medie imprese per capacità di innovazione, dopo la spagnola Sparsity.  L’azienda laziale, che offre servizi di traduzione, ha sviluppato un traduttore basato su un software open source, Matecat, e realizzato il più grande archivio al mondo di traduzioni online, My Memory, che permette di effettuare ricerche tra tutte le frasi già tradotte in Rete.

Nessun commento: