sabato 29 agosto 2015

TRA I DOPPIATORI DEI MINIONS C'È ANCHE ALBERTO ANGELA

Uscita ieri nei cinema italiani la tanto attesa avventura dei Minions, prequel e spin-off della saga di Cattivissimo Me prodotto dalla Illumination Entertainment, diretto da Pierre Coffin e Kyle Balda e distribuito dalla Universal Pictures.


La voce con il ruolo più importante è quella di Alberto Angela, narrante fuori campo la storia dei piccoli esserini gialli attraverso i secoli. 




Tra le voci dei personaggi principali, la supervillain Scarlet Sterminator intepretata da Luciana Litizetto, Fabio Fazio con il ruolo del marito Herbert Sterminator, Riccardo Rossi in Walter Nelson, un affettuoso padre criminale la cui moglie, Madge Nelson, è doppiata da Selvaggia Lucarelli.






QUI LA SINOSSI UFFICIALE


La storia di Minions di Universal Pictures e Illumination Entertainment inizia all'alba dei tempi. Partendo da organismi gialli unicellulari, i Minion si evolvono attraverso i secoli, perennemente al servizio del più spregevole dei padroni. Continuamente senza successo nel preservare questi maestri, dal T-Rex a Napoleone, i Minion si sono ritrovati senza qualcuno da servire e sono caduti in una profonda depressione.
Ma un Minion di nome Kevin ha un piano, e lui - insieme all'adolescente ribelle Stuart e all'adorabile piccolo Bob – decide di avventurarsi nel mondo per trovare un nuovo capo malvagio da seguire per sé e i suoi fratelli.

Il trio si imbarca in un viaggio emozionante che li condurrà alla loro prossima potenziale padrona, Scarlet Overkill (doppiata in america dal Premio Oscar Sandra Bullock), la prima super-cattiva al mondo. Un viaggio che li porterà dalla gelida Antartide alla New York City del 1960, fino ad arrivare a Londra, dove dovranno affrontare la loro sfida più grande: salvare tutti i Minion ... dall'annientamento.
Caratterizzato da una colonna sonora di hit degli anni '60 che permea ancora la nostra cultura odierna, Minions è prodotto dalla Illumination di Chris Meledandri e Janet Healy, ed è diretto da Pierre Coffin e Kyle Balda. Brian Lynch ha scritto la sceneggiatura per la nuova avventura in CG-3D e Chris Renaud è il produttore esecutivo del film.


PERCHÉ CI È PIACIUTO 

Il film è godibilissimo sia dai più piccoli che dagli adulti, grazie anche ai numerosi riferimenti cinematografici e musicali del passato, come l'assolo "Eruption" dei Van Halen, ma anche l'incontro con il giovanissimo Despicable Me (il cattivissimo dei due film che lo vedono protagonista) e che chiude un cerchio iniziato nel 2010.
Le scene svolte nella Londra degli anni '60, condite da molto humor, sono accuratissime in ogni particolare, architetture incluse.  Ci è piaciuto anche l'uso grammelot, ovvero i suoni onomatopeici dei minions, in cui abbiamo colto lingue tra cui italiano, russo, spagnolo, tedesco, inglese antico e alcuni elementi della lingua giapponese.


E infine una curiosità.
PERCHÉ I MINIONS SONO TUTTI MASCHI?

A rispondere alla domanda è il co-regista della pellicola, Pierre Coffin, che intervistato ha spiegato come mai la tribù di Minions sia composta solo da elementi di sesso maschile: «Considerato che sono tutti tonti o stupidi, semplicemente non potevo immaginare dei Minions di sesso femminile!». 

Ma allora come fanno a riprodursi? Anche qui Coffin ha spiegato: «Una delle teorie è che potrebbero essere clonati da stringhe di DNA, come accade in uno dei cortometraggi a loro dedicati».

Una sorta di partogenesi facoltativa o arrenotoca insomma, come ci ha suggerito un lettore.




Nessun commento: