domenica 2 agosto 2015

ATARI: IL VIDEOGIOCO HOME PONG COMPIE 40 ANNI

È stato lanciato da Atari il 3 agosto 1975 ed è considerato il capostipite dei videogame domestici. Fu un successo planetario.

Screenshot di PONG (Atari) 

In bianco e nero e con solo due manopole per manovrare il gioco, le origini di Pong vanno ricercate nel lontano 1966 quando un giovane ingegnere (Ralph Baer - "padre" dei videogiochi - morto lo scorso dicembre), della società Sanders comincia a lavorare su di un progetto chiamato Odyssey, lanciato nel 1972. Odyssey è il vero antenato di Pong ed anche la prima console della storia.

Nolan Bushnell 2013.jpg
"Nolan Bushnell 2013" by Tech Cocktail
 
FlickrTech Cocktail Week: Sessions Speaker Series
 Downtown Vegas sponsored by Moveline
.
Licensed under 
CC BY-SA 2.0 via Wikimedia Commons
Nel frattempo un ragazzo appena laureatosi che porta il nome di Nolan Bushnell (che diventerà in seguito il fondatore della Atari)  segue la stessa strada di Baer.

Fu proprio la console di Nolan  il primo successo commerciale e anche uno dei primi videogiochi coin-op (attivati a monete) della storia.

La versione domestica del videogioco aveva una particolarità che la rendeva unica: si poteva connettere a un semplice televisore, senza dunque dover acquistare strumenti particolari.  La console non era altro che una scatola nera che si collegava al televisore con innumerevoli fili e due joystick piuttosto spartani.

Ma Nolan ebbe l'idea di aggiungere anche la possibilità di dare un effetto alla pallina colpendola di striscio all'ultimo momento. Ciò rese Pong sicuramente più divertente del gioco della Sanders. 

La simulazione in Flash qui in basso riproduce il gioco originale, in cui lo schermo del monitor era diviso in due ed agli estremi erano presenti delle barrette bianche. Il gioco consisteva nel respingere la pallina cercando di farla avanzare nella parte dello schermo gestito dall'avversario. Ogni volta che la pallina non veniva respinta ma fuoriusciva dallo schermo veniva assegnato un punto.

PONG




Nessun commento: