mercoledì 13 maggio 2015

INGE LEHMANN, LA GEOFISICA DANESE CHE "VIDE" IL CENTRO DELLA TERRA

Google celebra oggi i 127 anni dalla nascita della ricercatrice Inge Lehmann, specializzata in sismologia, che analizzando i terremoti studiò la composizione e la struttura del nucleo terrestre. Fu la prima a ipotizzare che la Terra non fosse costituita da un'unica sfera liquida ma da due parti molto diverse. Una delle sue scoperte prende il suo nome: è la "discontinuità di Lehmann".



Nata il 13 maggio 1888 a Copenhagen, Google ricorda la sua attività di ricerca che, analizzando le informazioni registrate durante i terremoti, le permise di scoprire molti aspetti sulla struttura e la composizione del nucleo della Terra.

Inge Lehmann
Inge Lehmann
Il motore di ricerca la onora con un doodle, un logo animato creato per l'occasione. Nell'animazione si vede una Terra divisa a metà. In mezzo alle due semisfere brilla una sfera più piccola, il nucleo che la ricercatrice danese studiò per decenni.

Membro nella Royal Society di Londra, l'importante accademia di scienze fondata nel 1660, che comprende tra i suoi soci nomi come Isaac Newton, Alessandro Volta, Albert Einstein, Rita Levi-Montalcini e Stephen Hawking.

Inge Lehmann è conosciuta per tre importanti contributi che ha dato alla scienza:

1. Fu la prima a ipotizzare che il nucleo terrestre non sia un'unica sfera liquida, ma sia costituito da due parti molto diverse, una interna solida e una esterna liquida.) 

2. Per aver scoperto cosa sono le "onde P" (delle particolari onde sismiche)

3. Per avere scoperto  due discontinuità nella struttura interna,  che da allora si chiamano “discontinuità di Lehmann”.

Foto Wikipedia: A) Discontinuità di Mohorovičić . B) Discontinuità di Gutenberg.
C) 
Discontinuità di Lehmann.
1) Crosta continentale 2) Crosta oceanica 3) Mantello superiore
4) Mantello inferiore 5) Nucleo esterno 6) Nucleo interno.


Come molti altri scienziati anche la carriera della scienziata fu interrotta a causa della  Seconda guerra mondiale e in seguito all'occupazione della Danimarca da parte delle forze armate tedesche impedirono lo svolgimento del lavoro di Lehmann e i suoi importanti contatti internazionali negli anni successivi.

Dopo il 1953, Inge Lehmann si trasferì negli Stati Uniti dove rimase per diversi anni. Fu proprio durante questa sua permanenza che scoprì la discontinuità sismica che porta oggi il suo nome. 



Inge Lehmann morì nel 1993 nella sua Copenhagen, dopo aver ricevuto moltissime onoreficenze per la sua attività scientifica. 

Nessun commento: