mercoledì 20 maggio 2015

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: ERICKSON PRESENTA GIADA

Su Gravità Zero abbiamo spiegato cosa sono i disturbi dell’apprendimento (DSA), che sono oggi oggetto di un diffuso e crescente interesse, dato che coinvolgono circa 350.000 alunni delle scuole dell'obbligo. Sono disturbi che affliggono bambini e ragazzi che in genere non hanno disabilità o difficoltà particolari, ma possono rendere loro difficile la vita a scuola, se non vengono aiutati nella maniera corretta.

I disturbi dell'apprendimento (DSA) colpiscono 350.000 giovanissimi solo in Italia - Shutterstock 


La valutazione delle abilità di apprendimento e le azioni di intervento didattico costituiscono un processo che va strut- turato seguendo rigorose procedure e parametri di riferimento basati sulle principali classificazioni e sulle più accreditate Linee guida condivise dalla comunità scientifica.

Ora, in aiuto a Scuole, insegnanti e studenti di scuola primaria Erickson ha previsto una piattaforma multimediale per la Valutazione e la Gestione Interattiva delle Attività Di Apprendimento (GiADA) che consente la somministrazione di prove di valutazione delle abilità di apprendimento e l'utilizzo di materiali didattici ed esercizi multimediali mirati per il recupero e il potenziamento. 


È progettata sulla base di indicazioni scientifiche condivise a livello internazionale e su una rigorosa catalogazione delle abilità, dei processi e dei sottoprocessi cognitivi coinvolti nell'apprendimento.

Si tratta di un approccio che supera la metodologia propria degli screening tradizionali e offre invece una valutazione delle abilità, finalizzata alla verifica del livello di acquisizione e padronanza delle abilità di apprendimento strumentale.
Standardizza il modello di intervento superando l'attuale sistema di raccolta dei dati su supporto cartaceo, con maggiori benefici in termini di tempo e correttezza dei dati rilevati.

GiADA prevede:

1. la somministrazione guidata delle prove (a inizio anno);
2. la predisposizione di un pacchetto mirato di materiali per il recupero e il potenziamento dei DSA;
3. l'elaborazione automatica dei report;
4. la somministrazione delle prove in uscita (a fine anno);
5. la restituzione automatica dei risultati degli alunni con la segnalazione di eventuali lacune ancora da risolvere.

Per le scuole è previsto il pagamento di un canone annuo per poter utilizzare le prove di valutazione ed il software che consente l'accesso ai protocolli per la somministrazione, il caricamento dei risultati delle prove e la gestione della reportistica. I risultati vengono confrontati con una banca dati normativa dinamica costantemente aggiornata, per garantire una valutazione più rigorosa possibile.



Nasce da una ricerca triennale, denominata eValue, condotta dal Centro Studi Erickson con la supervisione scientifica dei proff. Giacomo Stella, Cesare Cornoldi e Dario Ianes.

La ricerca ha permesso di costruire un sistema multimediale per la valutazione delle abilità di apprendimento basato su un database normativo e dinamico.

Decine di migliaia di bambini hanno già utilizzato GiADA: l’intera Provincia Autonoma di Trento ha adottato GiADA come anche altre importanti realtà, tra cui vari CTS della Lombardia e del Lazio, diverse reti di scuole delle regioni Piemonte, Puglia, Marche, Sicilia, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Veneto e tante altre province su tutto il territorio nazionale. 


A questo link potrete leggere l’articolo di Stefano Franceschi e Michele Facci sulla piattaforma GiADA, pubblicato su Difficoltà di Apprendimento.




Nessun commento: