sabato 17 gennaio 2015

PREMIO GALILEO: SCELTI I 5 LIBRI FINALISTI DEL 2015

Selezionati i 5 libri finalisti che parteciperanno al premio per la miglior opera di divulgazione scientifica che si svolgerà a Padova l'8 maggio 2015

PADOVA. Sono stati scelti i cinque libri finalisti del premio letterario Galileo, che Padova ogni anno assegna alla miglior opera di divulgazione scientifica. 

Si tratta di: 

"Il caso Ogm. Il dibattito sugli organismi genericamente modificati" di Roberto Defez, 

"Dimostrare l'impossibile. La scienza inventa il mondo" di Claudio Bartocci, 

"La realtà non è come ci appare. La struttura elementare delle cose" di Carlo Rovelli, 

"Scienza e arte. Chimica, arti figurative e letteratura" di Vincenzo Schettino, 

"I terremoti" di Marco Massa e Romano Camassi.

Il Premio letterario Galileo, giunto alla nona edizione, vuole valorizzare le tradizioni di eccellenza che la città vanta nel campo della ricerca scientifica e promuovere iniziative a sostegno della diffusione di una cultura tecnico-scientifica.

La giuria scientifica, quest'anno, è presieduta dal dott. Vittorino Andreoli, psichiatra e scrittore, già direttore del Dipartimento di psichiatria di Verona/Soave e membro della New York Academy.

A decretare il vincitore assoluto sarà una giuria popolare formata da studenti di 110 scuole superiori di secondo grado, rappresentative di altrettante Province italiane.  Gli studenti sono i veri protagonisti di questo premio, e a loro si è rivolto lo stesso Andreoli: “I lettori privilegiati siete voi. In un periodo in cui si parla di giovani un po’ trascurati, sappiate che c’è chi pensa proprio a voi. Questo premio ne è la prova”.


5 libri finalisti del Premio Galileo 2015
I 5 libri finalisti del Premio Galileo 2015 

Il Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica è promosso dal Comune di Padova, con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione del Veneto, della Fondazione Il Campiello e dell’Accademia Galileiana di Scienze Lettere ed Arti in Padova e in collaborazione con l'Università degli Studi di Padova.

Le schede dei cinque libri finalisti.

Marco Massa-Romano Camassi "I terremoti" (Il Mulino)
Il libro spiega come ha origine un terremoto e come si misura, fornendo una panoramica sulle strutture che in Italia si occupano di monitorare questi fenomeni. Affronta poi il tema della prevenzione dei possibili effetti dei terremoti: dal rispetto delle norme sismiche all'importanza della sensibilizzazione al rischio e di una corretta informazione.
Marco Massa e Romano Camassi sono ricercatori nell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Claudio Bartocci "Dimostrare l’impossibile. La scienza inventa il mondo" (Raffaello Cortina)
Una serie di scorribande nel mondo della scienza ma anche dell’arte e dell’etica: fra intrecci di esistenze straordinarie e scontri di idee che hanno cambiato la concezione stessa della realtà, il libro guarda in modo inedito all’avventura della conoscenza. Fra i protagonisti spiccano i matematici: la matematica si permette il lusso di “inventare il mondo” e può costruire il nuovo perché sa distruggere i vecchi pregiudizi.
Claudio Bartocci insegna Fisica matematica all’Università di Genova.


Roberto Defez "Il caso OGM. Il dibattito sugli organismi geneticamente modificati" (Carocci editore)
Dal 1996 gli OGM fanno parte della nostra alimentazione. Con essi si gioca il futuro dell’economia, dell’agricoltura, dell’ambiente. Con gli OGM produciamo il meglio del made in Italy esportato in tutto il mondo, dalla moda all’agroalimentare. Perché allora c’è chi diffonde paure e sospetti senza fornire dati, documenti e statistiche? Quali interessi si nascondono dentro al piatto che mettiamo in tavola tutti i giorni?
Roberto Defez dirige il laboratorio di biotecnologie microbiche all'Istituto di bioscenze e biorisorse del CNR di Napoli.


Carlo Rovelli "La realtà non è come ci appare" (Raffaello Cortina)

Come è cambiata la nostra immagine del mondo dall’Antichità alle scoperte più recenti: l’evaporazione dei buchi neri, l’Universo prima del big bang, la struttura granulare dello spazio, il ruolo dell’informazione e l’assenza del tempo in fisica fondamentale. L’autore disegna un vasto affresco della visione fisica del mondo, ci porta al bordo del sapere attuale e offre una versione originale e articolata delle principali questioni oggi aperte.
Carlo Rovelli dirige il gruppo di ricerca in gravità quantistica dell’Università di Aix.

Vincenzo Schettino "Scienza e arte" (Firenze University Press)
Nell'atto creativo l'artista e lo scienziato procedono entrambi attraverso la decodificazione e ricomposizione delle realtà che osservano. Partendo da questa visione unitaria dei processi conoscitivi vengono esaminate le interazioni della chimica con le arti decorative, l’architettura e la letteratura mettendo in luce analogie e sovrapposizioni talora inaspettate e sorprendenti.
Vincenzo Schettino è professore emerito di Chimica fisica nell’Università di Firenze.


Per approfondire 

1 commento:

Mauro ha detto...

Sono tutti libri importanti e utili, ma spero che vinca Defez.
Perché porta la scienza - vera e soprattutto comprensibile - in un dibattito - in Italia, ma non solo - malato, antiscientifico e disinformativo come quello odierno sugli OGM.