mercoledì 29 ottobre 2014

CLIMA, ACQUA E RISCHI AMBIENTALI: SE NE PARLA AL CNR

Quanto si è scaldato il mondo negli ultimi anni? E’ un normale ciclo naturale, oppure è colpa nostra?
Di riscaldamento globale e cambiamenti climatici si sente parlare ormai da anni, ma le risposte alle tante domande che questi temi sollevano non sono affatto scontante.

areaperta scienza e ambiente antonello provenzale
Nel secondo appuntamento per il ciclo di conferenza Areaperta - previsto mercoledì 29 ottobre 2014 alle 17 nell'Auditorium del Cnr, in via G. Moruzzi 1 a Pisa - il dr. Antonello Provenzale dell'ISAC (Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima) CNR ci parlerà di come alcune regioni del nostro pianeta, come l'Artico, il bacino del Mediterraneo e molte regioni montane, risentono in modo più intenso di questi effetti del riscaldamento globale.

Dopo una breve introduzione alla dinamica e alla variabilità del clima, nel seminario saranno discussi i dati osservativi e le proiezioni fornite dai modelli climatici per i prossimi decenni, focalizzando l'attenzione sui rischi associati ai cambiamenti climatici e sugli aspetti critici ancora da affrontare. 

Particolare attenzione verrà data ai cambiamenti del ciclo dell'acqua e degli ecosistemi, e al concetto di "climate services", nati per legare i risultati di ricerca alle necessità concrete della società.
Antonello Provenzale
Institute of Atmospheric Sciences and Climate (ISAC)

Antonello Provenzale
Dirigente di Ricerca al CNR. Studia gli impatti e i rischi dei cambiamenti globali, la dinamica del clima e dei fluidi geofisici, il ciclo idrologico e le interazioni clima-biosfera. Ha ricevuto la Golden Badge Award della European Geophysical Society (oggi European Geosciences Union). Membro del programma di Geophysical Fluid Dynamics della Woods Hole Oceanographic Institution (USA). 

Professore invitato presso Università Ben Gurion (Israele), Università del Colorado a Boulder (USA), Ecole Normale Superieure e Università Pierre e Marie Curie di Parigi (Francia). Coordinatore di iniziative e progetti scientifici nazionali e internazionali, fra cui il Progetto di Interesse NextData del MIUR, il GEO Global Network for Observations and information in Mountain Environments (GEO-GNOME), e il progetto "Changes in the hydrological cycle" della European Climate Research Alliance. Autore di più di 130 articoli scientifici internazionali (ISI journals) e testi divulgativi sugli impatti della variabilità climatica.

Nessun commento: