martedì 21 ottobre 2014

A BOLOGNA LA FONDAZIONE GOLINELLI NEL FUTURO DELLA CULTURA SCIENTIFICA

Oggi la Fondazione Golinelli presenta il suo nuovo sistema d’identità e delinea importanti progetti di ampliamento e crescita, proiettando nel futuro i valori che la animano da sempre. È stata fondata a Bologna nel 1988, ed è negli anni diventata un punto di riferimento per la formazione e per la diffusione della cultura scientifica.

Fondazione Golinelli
Fondazione Golinelli

È prevista per giugno 2015 la nascita di Opificio Golinelli – nuova casa dal nome antico – il Centro per la conoscenza e la cultura a Bologna. In adiacenza all’area industriale di circa 3 ettari compresa tra via Emilia Ponente, Prati di Caprara e via Paolo Nanni Costa, occupata fino al 2008 dalla Società Fonderie Sabiem e ora dismessa, l’Opificio Golinelli sta già sorgendo grazie a un intervento di riqualificazione che ha richiesto un investimento di circa 10 milioni di euro. Questo spazio è destinato a divenire la sede del nuovo Centro per la conoscenza e la cultura: circa 9.000 metri quadri complessivi che verranno inaugurati a giugno 2015, che saranno pienamente operativi a partire da ottobre 2015 e che ospiteranno tutte le principali attività formative, educative e culturali della Fondazione Golinelli.





Le attività della Fondazione si sviluppano in sei grandi aree progettuali, accomunate dalla filosofia hands-on: il sapere conquistato attraverso lo sperimentare e il saper fare.


Scuola delle idee: promuove la creatività a partire dalla primissima infanzia e si rivolge a bambini e ragazzi dai 18 mesi ai 13 anni. Tra le novità ci saranno un ulteriore investimento per le attività dell’età compresa tra i 18 mesi
e i 3 anni, una maggiore attenzione alla formazione sulle nuove tecnologie degli studenti delle scuole secondarie di primo grado, la creazione di nuovi poli temporanei in altre città, la disponibilità di uno spazio polifunzionale all’interno di Opificio Golinelli con teatro e cinema, e di uno spazio esterno deputato alla didattica.


Scienze in pratica: un progetto per accendere la passione negli adolescenti verso le scienze e le tecnologie mediante la sperimentazione in laboratorio (dai 14 ai 19 anni). Nato nel 2000 da una partnership tra Fondazione Golinelli e Università di Bologna, in collaborazione con MIUR/USR Emilia-Romagna. Scienze in pratica diventerà il più grande laboratorio didattico sperimentale a posto singolo in Italia.  Amplierà gradualmente l’offerta formativa a tutte le discipline della scienza e della tecnologia (fisica, neuroscienze, nanotecnologie, robotica).


Giardino delle imprese: è una scuola informale per promuovere tra i giovani la cultura imprenditoriale e formare i futuri imprenditori. Il progetto, avviato per volontà del Trust Eureka creato nel 2013 dalla Fondazione Golinelli, ha coinvolto 60 ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado dell’Emilia-Romagna in un sistema di lezioni teoriche ed esperimenti di imprenditorialità. La prima fase si è svolta nel luglio 2014 alle Serre dei Giardini Margherita (hub metropolitano per l’innovazione e la sensibilizzazione alla cultura imprenditoriale). La seconda fase, che prevede lavori di gruppo sullo sviluppo di una applicazione per il monitoraggio del sonno, si concluderà lunedì 24 novembre 2014 con la presentazione e la premiazione di progetti che saranno finanziati e inseriti in acceleratori e diverranno veri e propri esperimenti d’imprenditorialità. In quell’occasione si terrà la lectio magistralis di Nassim Taleb, intellettuale di fama mondiale e docente di Scienza dell’incertezza all’Università del Massachusetts.

Scienza in Piazza: si rivolge al grande pubblico per favorire il dialogo tra scienza e società. Non ha cambiato nome, ma formula: nel 2015 a Opificio Golinelli si organizzeranno incontri, laboratori e attività sui temi di Expo. Nata nel 2005, Scienza in Piazza ha per anni trasformato il centro e le periferie della città in un centro scientifico temporaneo con lo scopo di avvicinare cittadini di ogni età ed estrazione culturale alla scienza, all’arte e alla cultura. In nove edizioni ha coinvolto 500.000 visitatori.

Educare a educare: è il nuovo progetto nazionale di formazione per insegnanti (di ruolo e precari) di ogni ordine e grado, di ogni ordinamento, e per i futuri insegnanti della regione Emilia-Romagna ma non solo. Nato dall’esperienza del polo di Bologna/Emilia-Romagna, frutto di una collaborazione avviata nel 2013 con l’Accademia nazionale dei Lincei e il MIUR, Educare a educare si propone su scala nazionale come centro di ricerca per l’innovazione della didattica (asili nidi, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie) con un’attenzione particolare alla multidisciplinarità, alle nuove tecnologie, alla pratica in laboratorio.

Arte scienza e conoscenza: mostre, incontri e percorsi tra arte e scienza per comprendere la complessità del mondo contemporaneo. “I gradi di libertà” è il titolo della nuova grande mostra che si inaugurerà a settembre 2015 al MamBO, il museo d’arte moderna di Bologna. Nella convinzione che arte e scienza insieme siano un valore aggiunto alla conoscenza del mondo, Fondazione Golinelli ha progettato percorsi espositivi che si affiancano a opere d’arte contemporanea ispirate a temi scientifici. Una continua ricerca, iniziata nel 2007 con “Emozionarti di Scienza”, e proseguita nel 2010 con “Antroposfera. Nuove forme della vita”, nel 2011 con “HappyTech. Macchine dal volto umano”, nel 2012 con “Da ZERO a CENTO, le nuove età della vita”, nel 2013 con “Benzine. Le energie della tua mente”, infine nel 2014 con “GOLA, arte e scienza del gusto”.



OPIFICIO GOLINELLI: 10 MILIONI DI EURO INVESTITI NEL FUTURO.

È prevista per giugno 2015 la nascita di Opificio Golinelli – nuova casa dal nome antico – il
Centro per la conoscenza e la cultura a Bologna.
In adiacenza all’area industriale di circa 3 ettari compresa tra via Emilia Ponente, Prati di Caprara e via Paolo Nanni Costa, occupata fino al 2008 dalla Società Fonderie Sabiem e ora dismessa, l’Opificio Golinelli sta già sorgendo grazie a un intervento di riqualificazione che ha richiesto un investimento di circa 10 milioni di euro.
Questo spazio è destinato a divenire la sede del nuovo Centro per la conoscenza e la cultura: circa 9.000 metri quadri complessivi che verranno inaugurati a giugno 2015, che saranno pienamente operativi a partire da ottobre 2015 e che ospiteranno tutte le principali attività formative, educative e culturali della Fondazione Golinelli.
Il Centro si articola in padiglioni e strutture indipendenti, connesse da un sistema di passeggiate, giardini e piazze che ricalcano la configurazione dello spazio pubblico cittadino. Il progetto architettonico è a cura di diverserighestudio.
L’Opificio Golinelli, con gli spazi dedicati a bambini, giovani e adulti, sarà il cuore pulsante a cui fanno capo le attività di educazione, formazione, ricerca, divulgazione, promozione delle scienze e delle arti svolte dalla Fondazione Golinelli.
Se dal 2000 a oggi le attività della Fondazione hanno coinvolto oltre 850.000 persone, nel complesso delle tre sedi (Opificio Golinelli, Serre dei Giardini, spazio sotto il Voltone del Podestà: oltre 12.000 metri quadri totali) sono attese più di 100.000 visite all’anno.

DEFINIRE L’IDENTITÀ PER TRASMETTERE CONTENUTI E VISIONE

Annamaria Testa, esperta di comunicazione e docente all’Università Bocconi, ha riprogettato l’intero sistema d’identità della Fondazione: loghi, nomi (“accorciando” il nome stesso della Fondazione, e riprogettando l’intero sistema dei nomi delle attività), grafica e siti internet.
Le attività della Fondazione Golinelli sono molteplici, si rivolgono a pubblici differenti, presentano nuove prospettive e sono di altissima qualità: vanno comunicate in modo semplice e intuitivo, e vanno messe (anche sotto il profilo dell’immagine) a fattor comune perché sia possibile per chiunque averne una visione globale.
Questi i criteri di base che hanno guidato l’intera, radicale operazione di restyling e messa a sistema di tutti gli elementi della comunicazione: semplicità, comprensibilità, declinabilità, leggibilità, impatto, consistenza, emozione.
Tutti i nomi e le definizioni sono rigorosamente in italiano, senza nessuna tentazione inglesizzante: la Fondazione Golinelli guarda al mondo, sa comunicare (in tutte le lingue necessarie) con il mondo, ma è un’eccellenza italiana e la sua identità è italiana.



CREATIVITÀ, PROGETTI E VALORI, PENSANDO AL 2100

“Il futuro è nostro: sta in capo alla nostra creatività e alla nostra fantasia immaginarlo, perché senza questa capacità d’immaginazione la nostra volontà non può indirizzarsi verso una meta” dice Marino Golinelli, fondatore e presidente della Fondazione. E ancora: “Come saremo nel 2100? Nessuno oggi lo può dire: ma già possiamo organizzare le nostre forze e le nostre risorse per cercare almeno di portare nel mondo che sarà, e che speriamo sostenibile, i valori che hanno contraddistinto il passato dal quale proveniamo”.

Nessun commento: