giovedì 21 agosto 2014

SALVARE LE FORESTE CON REDD+

Circa il 20% delle emissioni globali di CO2 provengono dalla distruzione e dal degrado delle foreste Perdita di biodiversità Spazio vitale per le popolazioni indigene

Da circa un decennio i governi, le organizzazioni non governative, le comunità indigene e locali, i centri di ricerca, le università e le aziende stanno lavorando verso la messa in opera di un insieme di approcci e incentivi politici per ridurre le emissioni da deforestazione e il degrado delle foreste in modo da sostenere la conservazione, la gestione sostenibile e la valorizzazione di questo patrimonio nei paesi in via di sviluppo: il cosiddetto REDD+ supportato dal programma delle Nazioni Unite Un-REDD.

REDD+ è un programma volto alla riduzione delle emissioni provenienti dalla deforestazione e dal degrado delle foreste nei paesi in via di sviluppo che si basa sull’istituzione di un sistema di pagamenti per questi Paesi che dimostrino la capacità di ridurre le emissioni derivanti dalla deforestazione e degradazione forestale.

Nell’ambito della convenzione sul clima, REDD intende contribuire in maniera significativa ad evitare i pericolosi cambiamenti climatici.
Diminuendo il tasso di deforestazione si riducono le emissioni di gas serra nei paesi in via di sviluppo, sud del mondo. Viene finanziato con pagamenti da paesi industrializzati. Fabbisogno stimato: diversi miliardi di euro l’anno.
Questi sforzi mirano principalmente a gettare le basi per l'adozione di un meccanismo  in un nuovo accordo internazionale che fornisca un'azione cooperativa a lungo termine sui cambiamenti climatici, con conoscenze, competenze, metodologie, risorse, reti e istituzioni con implicazioni di ampia portata per le politiche di governance ambientale e di ricerca.

Il sourcebook "Forest in a Chanching Climate" cerca di fare il punto sulle conoscenze, gli approcci, gli strumenti e le iniziative che sono state sviluppate per REDD+ da una serie di esperti e di favorire la loro integrazione nei programmi di formazione multi-disciplinare universitari, al fine di progredire nella riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado forestale.

Strutturato attorno in una serie di 12 moduli che coprono i diversi aspetti della REDD+, il sourcebook inizia con quattro moduli che trattano il contesto in cui REDD+ è stato sviluppato e introduce il rapporto tra carbonio delle foreste e il cambiamento climatico (modulo 1), i molteplici vantaggi delle foreste (modulo 2), le cause della deforestazione e del degrado forestale (3), e le soluzioni per invertire la deforestazione e il degrado forestale (modulo 4).

Si passa poi all'approccio REDD+ (modulo 5) e alle procedure (modulo 6), ai sistemi di monitoraggio, alla rendicontazione e alla verifica strumentale (modulo 7), agli incentivi per ridurre la deforestazione e il degrado forestale (modulo 8), alla salvaguardia ambientale e la governance sociale (modulo 9), ai costi di REDD+ (modulo 10) e ai finanziamenti (modulo 11).

Il sourcebook si conclude con un modulo che situa REDD+ entro più ampi sforzi volti a favorire una transizione globale verso un'economia verde (modulo 12).

Nessun commento: