venerdì 28 marzo 2014

CROAZIA. LA CORTE COSTITUZIONALE HA DECISO: I BAMBINI DEVONO ESSERE VACCINATI

Argomenti per decisione: Il diritto del bambino alla salute è più che i diritti dei genitori alla (errata) scelta.

Photo credit: US Department of Health and Human Services.
Quando le persone raggiungono una maggiore conoscenza della gravità
delle patologie trasmissibili, 
le opposizioni alle vaccinazioni sono più rare 

La Corte costituzionale della Croazia ha accolto le leggi obbligatorie di vaccinazione contro nove malattie infettive. La decisione del tribunale è stato tradotto come la seguente lettura: "Il diritto del bambino alla salute è più che i diritti dei genitori alla (errata) scelta."

La Croazia e la sua vicina Slovenia sono stati in prima linea a favore della vaccinazione universale.
Mentre la maggior parte dei governi ne sono semplicemente a favore, e in alcuni casi offrono incentivi finanziari, solo pochi Stati rendono queste vaccinazioni assolutamente obbligatorie.

Secondo uno studio su 29 paesi europei, 15 paesi non hanno alcuna vaccinazioni obbligatoria, i restanti 14 paesi hanno almeno una vaccinazione obbligatoria incluso nel loro programma".  (Il panorama internazionale, en).

Dal momento che la Croazia ha condotto una battaglia a favore delle vaccinazioni universali, nel 1999 difterite, pertosse e morbillo sono scomparsi del tutto e la tubercolosi è diminuita del 93%, il tetano del 97% e l'epatite B del 65%.

LE LOBBY ANTI-VACCINAZIONE

Forse a causa di questo successo, però, la Croazia ha registrato un'efficace resistenza popolare a quello che era una volta una politica incontrovertibile. Dopo aver completato la vaccinazione universale per un decennio (presumibilmente esclusi i casi in cui vi era una ragione medica valida) 28 bambini vaccinati sono stati esonerati dai genitori nel 2012, secondo i documenti ufficiali, e nel 2013 questo numero è salito a 143.

Anche se questi numeri non sono sufficienti per generare i tipi di focolai osservati negli Stati Uniti e nel Regno Unito come risultato dei lobbisti anti-vaccini, la direzione è chiara.

10.000 persone che hanno sottoscritto una petizione sostenendo, "la vaccinazione dei bambini sani rappresenta una minaccia per la loro salute." Inevitabilmente la legge è stata contestata in tribunale, ma la più alta corte del paese l'ha approvata. La decisione è stata salutata dal croato Medical Association e l'Istituto Croato per la salute pubblica.

COSA DICE LA LEGGE?

Le vaccinazioni obbligatorie hanno lo scopo di tutelare la salute pubblica e quella del singolo cittadino. Nel caso di malattie epidemiche, la libertà di cura del singolo si concilia con il dovere delle autorità sanitarie di evitare il propagarsi di virus o batteri pericolosi per la salute della popolazione.

Secondo il principio della libertà di cura, la decisione ultima sull'adozione di una terapia spetta esclusivamente al paziente e al suo medico curante; a loro volta, i pazienti affetti da una malattia trasmissibile, che non adottano le cure a disposizione, e le misure necessarie a evitare il contagio di altre persone (o che non avvertono dei rischi legati alla loro malattia), assumono però una responsabilità penale nei confronti delle altre vittime del contagio.

In Italia, il Ministero della Salute, attraverso l'Ufficio VIII della Direzione della Programmazione Sanitaria, eroga gli indennizzi ai soggetti che dovessero eventualmente essere danneggiati in modo irreversibile da vaccinazioni, trasfusioni e somministrazione di emoderivati infetti, ai sensi della Legge 210/92 Legge 25 febbraio 1992, n. 210 (in Gazzetta Ufficiale, 6 marzo, n. 55) e successive modificazioni[13]. Nello stesso senso va la Legge 229/2005. [Fonte Wikipedia]


NO VACCINAZIONE? SI POLIO!

Le implicazioni di una abbassamento della guardia nelle vaccinazioni infantili lo si sta osservando  in Siria, dove la guerra ha interrotto il programma di vaccinazione infantile. 
La terribile poliomielite è ora fuori controllo in Siria. I bambini, compresi quelli che fanno ai campi profughi nei paesi circostanti, sono stati condannati alla paralisi permanente.

Non riuscendo a vaccinare un bambino contro una malattia trasmissibile è come se si mandassefuori in pubblico con una bomba nel petto:  se qualcosa innesca un'esplosione che sono i più propensi a morire, ma c'è un rischio sostanziale tutti vicino a loro saranno farsi male pure.


Nessun commento: