mercoledì 19 marzo 2014

66,8 MILIONI DI EURO DALLA UE PER UN NUOVO LABORATORIO DI FISICA

Il consorzio guidato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare si aggiudica la gara per la costruzione in Romania di una sorgente di raggi gamma che servirà alla ricerca di base e applicata


Si firma oggi, 19 marzo, nella sede della Presidenza dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare l’accordo per la realizzazione di una nuova grande infrastruttura di ricerca in Romania. Il Consorzio EuroGammaS guidato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), con la collaborazione dell’Università di Roma La Sapienza, degli istituti scientifici CNRS (F) e STFC (UK) e di numerose aziende italiane ed europee, si è aggiudicato, infatti, la gara internazionale per la realizzazione di una sorgente di radiazione gamma (fotoni di alta e altissima energia) presso il centro di ricerca IFIN-HH a Magurele, in Romania.

Il progetto è interamente finanziato dalla UE per un importo di 66,8 milioni di euro. Si chiamerà ELI-NP (Extreme Light Infrastructure – Nuclear Physics) e sarà uno dei tre pilastri del progetto ELI, insieme alle strutture dedicate allo studio delle sorgenti secondarie (a Dolni Brezany, nei pressi di Praga) e degli impulsi ad attosecondi (a Szeged, in Ungheria). L’obiettivo principale di ELI è creare il più avanzato laser al mondo, dove saranno condotti progetti di ricerca che riguardano l’interazione della luce con la materia, a intensità elevatissime.


“È una soddisfazione enorme aver avuto questo contratto”, commenta Fernando Ferroni, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. “Lo sviluppo di acceleratori alla frontiera della tecnologia, come SPARC ai Laboratori Nazionali di Frascati, ci ha reso leader in questo campo, – prosegue Ferroni – e il fatto che questo consorzio di prestigiosi enti di ricerca e importanti aziende sia guidato dall’INFN è un riconoscimento tangibile di questa capacità dell’Ente di produrre innovazione e di essere tra i protagonisti mondiali di questa scienza. È un’ulteriore dimostrazione che la ricerca di base produce frutti concreti e ricadute sulla società”.

“La firma del contratto per la costruzione della sorgente di radiazione gamma è l’ultimo importante passo per l’attuazione del progetto ELI-NP finanziato dalla Commissione Europea e dal governo rumeno per 300 milioni di euro”, sottolinea Victor Zamfir, direttore generale di IFIN-HH. “La costruzione della macchina, basata su tecnologie avanzate, da parte di un consorzio europeo guidato dall’INFN migliorerà e assicurerà una lunga e fruttuosa collaborazione tra scienziati rumeni e italiani, così come di altri ricercatori europei, per molti anni a venire”, conclude Zamfir.

“Sono davvero soddisfatto – aggiunge Luigi Palumbo, dell’Univarsità La Sapienza e coordinatore del progetto EuroGammaS – questo risultato premia uno sforzo di progettazione durato circa due anni, che ha coinvolto numerosi fisici e ingegneri in Italia e all’estero, e rappresenta un riconoscimento delle elevate competenze esistenti nel nostro paese nel campo degli acceleratori di particelle e delle sorgenti di radiazione di elevata intensità”.

Il laboratorio 
ELI-NP è un impianto molto complesso che ospiterà due macchine dalle prestazioni estreme: si tratterà di una sorgente di raggi gamma, basata su di un acceleratore lineare di elettroni di alta intensità e un laser di elevata potenza. Le caratteristiche della sorgente saranno uniche e offriranno alla comunità scientifica internazionale nuove opportunità nella spettroscopia nucleare ad alta risoluzione ed elevata energia. Potrà svelare i meccanismi della nucleosintesi in astrofisica e potrà contribuire alla comprensione dell’origine degli elementi pesanti presenti in natura. Inoltre, si prevedono importanti applicazioni nelle tecnologie industriali nucleari per la gestione in sicurezza delle scorie e nello sviluppo di nuovi sistemi di produzione di isotopi medicali.

Le aziende

Comeb (I), meccanica di precisione
Amplitude Systems (F), laser
Alsyom (F), meccanica di precisione, materiali
ScandiNova (SE), sistemi di potenza  per acceleratori
Danfysik (DN), magneti (elettromeccanica)
Research Instruments (D), produzione e integrazione acceleratori
MenloSystems (D), sistemi elettro-ottici di sincronizzazione
CosyLab (SL), sistemi di controllo, elettronica e software per il controllo
Instrumentation Technologies (SL), elettronica per diagnostica
M+W (I), impianti tecnologici fluidi ed elettrici


Per informazioni

INFN Ufficio Comunicazione
Antonella Varaschin
U. 06 6868162
antonella.varaschin@presid.infn.it
http://www.eli-beams.eu/
http://www.eli-np.ro/

Nessun commento: