mercoledì 27 novembre 2013

SESAME: EUROPA E CERN CON L'ITALIA PER LA RICERCA IN MEDIO ORIENTE

Il Cern e la Commissione Europea  contribuiranno alla realizzazione del primo "supermicroscopio" destinato al Medio Oriente, che sta sorgendo in Giordania e al cui progetto è interessata anche l’Italia con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare .

Si chiama Sesame (Synchrotron-light for Experimental Science and Applications in the Middle East) ed è una sorgente di luce di sincrotrone che funziona come un gigantesco microscopio che permetterà di osservare i processi che avvengono nelle cellule, le proprietà di materiali avanzati, le caratteristiche delle opere d'arte.

L'infrastruttura Sesame (fonte: INFN)
SESAME sarà uno strumento dedicato alle scienze sperimentali: funzionerà come un potentissimo microscopio e avrà applicazioni in vari ambiti, dalle scienze della vita, ai beni culturali, alle nanotecnologie

L’accordo, che formalizza la partecipazione dell’Italia, è stato siglato in occasione dell’11° meeting di SESAME, durante il quale è stato proposto a Giorgio Paolucci, dirigente di ricerca di Elettra Sincrotrone Trieste, il ruolo di Direttore Scientifico del progetto.


A SESAME, cui partecipano scienziati di Autorità Palestinese, Bahrein, Cipro, Egitto, Iran, Israele, Giordania, Pakistan e Turchia, l’Italia contribuisce attraverso l’INFN ed Elettra, che forniranno alcune componenti dell’acceleratore e avranno il compito di formare il personale nei propri laboratori. Elettra Sincrotrone Trieste ha già contributo a SESAME per conto dell'Italia fornendo una serie di importanti componenti a radiofrequenza.

“La firma dell’accordo e l’incarico di responsabilità offerto a Paolucci - sottolinea Fernando Ferroni, Presidente dell’INFN - rafforzano la collaborazione tra il nostro Paese e SESAME”. “L’Italia - prosegue Ferroni - è un Paese osservatore con un ruolo oggi divenuto molto importante all'interno di un progetto che, al di là della sua validità scientifica, è significativo per la funzione che riveste nel costituire un terreno di incontro tra nazioni spesso molto distanti e che difficilmente trovano altri ambiti di collaborazione oltre a quello scientifico”.
La partecipazione italiana alla realizzazione di SESAME si concretizza anche attraverso un finanziamento da 1 milione di euro per l’anno 2013 accordato dal MIUR, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sul Fondo ordinario dell’INFN.

Il prossimo incontro del Council di SESAME sarà ospitato dai Laboratori Nazionali di Frascati dell’INFN in primavera: un’ulteriore conferma del ruolo svolto dal nostro Paese.

Antonella Varaschin
INFN - Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Nessun commento: