mercoledì 19 giugno 2013

CHE FAI TU, LUNA ROSA, IN CIEL?

Oggi, esami di maturità. Ve l'immaginate se qualche studente, leggendo distrattamente in questi giorni che precedono l'Estate qualche quotidiano nazionale, riportasse così il seguente brano di Leopardi:

"Che fai tu, Luna rosa, in ciel? dimmi, che fai,
Silenziosa luna?
Sorgi la sera, e vai".


Da alcuni giorni i quotidiani nazionali (e poi secondo alcuni giornalisti  sarebbero i blog a essere superficiali nel dare le notizie)  continuano a ripubblicare, con il vizio frettoloso del "copia e incolla" e dunque senza verificare le fonti, la falsa notizia della "Luna rosa" del prossimo 23 giugno.

Chiariamo subito una cosa: NON ESISTE NESSUNA LUNA DI COLORE ROSA O COLORE ROSACEO.

Cosa accadrà invece il 23 giugno 2013?

Durante il moto di rivoluzione (ovvero il percorso che la Luna compie attorno alla Terra), la distanza Terra-Luna non è costante, ma compie delle variazioni.

Questa distanza è mediamente di 382.900 km, ma durante l'anno può capitare che la Luna si avvicini alla Terra di qualche decina di migliaia di chilometri  (il 23 luglio sarà a 356.991 km).

Questa distanza minima è anche chiamata in astronomia "perigeo" mentre quella massima con il termine "apogeo" (405 696 km).

Quindi il 23 giugno prossimo avremo la possibilità di ammirare una luna piena al perigeo, che risulterà più grande del solito, dato che si troverà leggermente più vicina a noi.

Ma questa luna non avrà colore rosa. Il nome "rosa" sembra derivi dalla storpiatura di alcuni appellativi  utilizzati da diverse tradizioni neopagane per chiamare la Luna Piena  nei vari periodi dell'anno (es. Luna Piena del Lupo a gennaio, Luna Piena della neve a febbraio e, via via... Luna Piena delle fragole o delle rose a giugno).

Gli anglosassoni la chiamano Rose Moon, Luna delle rose, mentre in altre culture è Hot Moon, Luna calda, per l'inizio del caldo estivo. 

In realtà la colorazione rossastra e non "rosa" della Luna (o del Sole) si può verificare ogni 24 ore, almeno due volte al giorno. In particolare all'alba e al tramonto dei due astri.

Trovandosi poco sopra l’orizzonte, i raggi luminosi attraversano un lungo tratto di atmosfera e la loro componente blu viene tolta quasi del tutto, lasciando solo il rosso a raggiungere i nostri occhi. Più il Sole o la Luna scende, più il rosso si fa acceso.

Ma il fenomeno non è propriamente raro dato che, come ogni bambino sa (non ci vogliono esperti per dimostrarlo, come afferma invece  qualche quotidiano), capita ogni giorno. 

Nessun commento: