venerdì 14 giugno 2013

6000 TRAPIANTI ALLA CITTÀ DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO

La Città della Salute e della Scienza di Torino ha raggiunto i 6000 trapianti, anche se gli organi trapiantati sono stati 6081 perchè in 81 casi è stato eseguito un intervento combinato con più organi differenti, senza considerare i doppi trapianti di rene o di polmone. 

Presso la Città della Salute e della Scienza sono attivi due centri di trapianto allogenico sia dell’adulto sia del bambino.

In Piemonte gli altri centri sono presso gli ospedali San Luigi di Torino, Irccs Candiolo, Alessandria, Cuneo e Novara. Nella Regione sono stati più di 1500 i trapianti allogenici effettuati negli ultimi 10 anni e quasi un centinaio dall’inizio dell’anno. 

Ad oggi sono più di 36.000 i piemontesi che hanno aderito al registro dei donatori di midollo osseo, e 317 di questi hanno poi effettivamente donato le loro cellule staminali emopoietiche a favore di altrettanti pazienti di tutto il mondo.


Non va infine dimenticato il grande impegno profuso anche per i trapianti di cellule staminali emopoietiche: presso l'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza sono attivi i 2 centri di trapianto allogenico sia dell'adulto sia del bambino ed in Piemonte gli altri centri sono attivi presso gli ospedali San Luigi di Torino, IRCCS Candiolo, Alessandria, Cuneo e Novara. Nella nostra Regione sono stati più di 1500 i trapianti allogenici effettuati negli ultimi 10 anni e quasi un centinaio dall'inizio dell'anno.

A conferma ed a rafforzamento di questi numeri va ad aggiungersi il record di trapianti effettuati in una sola giornata.

L'11 giugno 2013 sono stati segnalati in Piemonte tre donatori multiorgano: 1) presso la rianimazione di Cuneo una donna di 41 anni, deceduta per ischemia cerebrale; 2) presso la rianimazione di Pinerolo una donna di 64 anni, deceduta per trauma cranico e 3) presso la rianimazione di Novara un uomo di 59 anni, deceduto per trauma cranico.
Nella notte tra l'11 ed il 12 giugno, ed ancora fino alla tarda mattina, si sono susseguiti i prelievi di organi e di tessuti. Molte le equipe coinvolte. Presso l'ospedale di Cuneo sono state impegnate le equipe di Chirurgia Toracica dell'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino per il prelievo di cuore e polmoni, l'equipe di prelievo fegato della medesima Azienda e l'equipe di prelievo reni dell'ASO di Cuneo. Sono state inoltre prelevate le cornee. Il prelievo è durato circa 7 ore, iniziando dopo la mezzanotte.

Presso l'ospedale di Pinerolo sono state coinvolte: l'equipe di prelievo fegato del Policlinico di Modena, l'equipe di prelievo dei reni dell'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino ed il chirurgo plastico della medesima Azienda per il prelievo della cute. Sono state infine prelevate le cornee, in un prelievo durato complessivamente dalle ore 5 alle ore 10.30.

All'ospedale di Novara sono state impegnate le equipe di Chirurgia Toracica dell'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino per il prelievo di cuore, l'equipe di prelievo fegato della medesima Azienda e l'equipe di prelievo reni di Novara. Sono state inoltre prelevate le cornee. Il prelievo è durato circa 5 ore, iniziando appena dopo la mezzanotte.

Durante il pomeriggio, serata e notte del 12 giugno, sono stati effettuati, presso l'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino numerosi trapianti: un trapianto di fegato, 3 trapianti di rene, 1 trapianto combinato fegato e rene, 1 trapianto di doppio polmone, 2 trapianti di cuore. Presso l'ospedale di Novara sono stati trapiantati due reni e presso il Policlinico di Modena 1 fegato.

Ancora una volta l'attività di donazione e trapianto di organi e tessuti fornisce un segnale importante di come, nella regione Piemonte, vi sia tra i cittadini una alta sensibilità ed una grande solidarietà per la donazione e tra il personale sanitario via sia grande competenza e dedizione.



Nessun commento: