giovedì 21 febbraio 2013

NETTOCRAZIA: L'AGGREGATORE DIGITALE DELLA POLITICA CHE USA TWITTER

Per sapere cosa dicono i leader politici italiani su Twitter e decidere consapevolmente chi votare alle elezioni politiche 2013 è nato il portale nettocrazia.itun nuovo strumento a disposizione del cittadino che seleziona e aggrega la micro-comunicazione digitale, capace di selezionare i messaggi Twitter di ogni leader politico per proporli ai cittadini secondo uno schema preciso, dando a tutti un’informazione per decidere chi votare.

Il confronto elettorale più vivace è su Twitter, e Nettocrazia.it è un sito capace di tenere traccia organizzata di ciò che dicono i leader politici. Leader che se fossero eletti secondo le preferenze Facebook vedrebbero distacchi enormi tra di loro: dagli oltre 1.000.000 di “like” per la pagina ufficiale di Beppe Grillo, ai soli 28.000 di Perferdinando Casini, passando per i 500mila circa di Silvio Berlusconi e Nichi Vendola, ed i 100mila circa ciascuno di Perluigi Bersani, Angelino Alfano e Mario Monti. Nettocrazia.it è un aggregatore capace di selezionare i messaggi più recenti di ogni politico -estraendoli dal suo account Twitter in modo automatico- e di pubblicarli secondo uno schema preciso.

Lo  strumento permette a tutti di rendere semplice la lettura dei messaggi e dei programmi elettorali, di dare il proprio “like” Facebook al leader scelto, di consultare un motore di ricerca specializzato sui temi politici, permettendo a noi cittadini di decidere consapevolmente a chi dare il voto e di vedere un nostro tweet pubblicato.

Nettocrazia.it è stato pensato e sviluppato da Movantia, agenzia di engagement marketing attiva nell’interazione tra reale e digitale. Dichiara Fabio Fabbi, fondatore di Movantia e pioniere italiano del Web: “I social network, Twitter in testa, sono una potente fonte di informazione e di propaganda che sta cambiando le regole del gioco tra politica e cittadini, costringendo tutti i leader a cavalcarne l’onda, nessuno escluso. Nettocrazia.it è il complemento ideale che aggiunge quelle logiche di lettura indispensabili per un loro miglior uso.”



Nessun commento: