giovedì 10 gennaio 2013

SEI UN FISICO? NON HAI UN ORDINE PROFESSIONALE? ARRANGIATI!

Da tempo  la complessità dei problemi tecnologici, energetici e ambientali del pianeta ecc. esigerebbe il riconoscimento della figura professionale del Fisico, e l´istituzione del relativo Ordine professionale.

Ma nonostante le sollecitazioni e le prese di posizione di organismi come la SIF (Società Italiana di Fisica) e l´ANFeA (Asso.ne Nazionale Fisica e Applicazioni), la questione non è mai stata presa adeguatamente in considerazione dagli ambienti governativi e dalle istituzioni deputate. Che ciò confligga con l´interesse di professioni già consolidate è, del resto, cosa ben nota. 

Ma il senso delle liberalizzazioni non è appunto il superamento di vecchie barriere e dannosi protezionismi? E´ evidente che alla gran retorica in tema di liberalizzazioni, non corrisponde una concreta assunzione di responsabilità: parliamo di responsabilità che, oltre ad offrire un contributo alla ripresa economica, siano in grado di rispondere coerentemente alle nuove sfide scientifiche e culturali. Sul pernicioso vuoto legislativo riceviamo dalla SIF e volentieripubblichiamo la nota che segue. 

La Società Italiana di Fisica considerando oltremodo anomalo che il Fisico non rientri tra le professioni tecniche scientifiche che hanno un Ordine Professionale alla pari degli Ingegneri, dei Chimici, dei Biologi, dei Medici etc... continuerà a perseguire la strada di un Ordine Professionale congiunto dei Chimici e dei Fisici, essendo a tutt´oggi in Italia in vigore questo tipo di regolamentazione. 

Tuttavia, a seguito dell´approvazione da parte della Camera della legge sulle professioni non organizzate avvenuta lo scorso 19 dicembre 2012, la SIF riconosce l´utilità dell´elaborazione di Norme Tecniche UNI relative alle singole attività professionali qualora le Associazione di riferimento ne riscontrino la necessità, come per esempio nel caso del fisico medico che è un professionista altamente specializzato e formato per operare in ambito sanitario e rappresentato dall´Associazione Italiana di Fisica Medica (AIFM). Norme Tecniche relative a professionalità che possono avere percorsi formativi specifici, non sono da considerarsi al momento, in antitesi verso l´auspicabile riconoscimento della regolamentazione della Professione di Fisico attraverso un Ordine. La SIF ritiene dunque opportuno in questa fase indagare anche sulla possibilità di un eventuale percorso alternativo che comunque consenta di preservare e tutelare al massimo la professionalità del Fisico.

Fonte DISTI
Elisabetta Durante 

 

Nessun commento: