martedì 20 marzo 2012

IL FARMACO E LE LIBERALIZZAZIONI

I farmacisti e la politica si stanno confrontando, in questi primi mesi dell’anno, sulle “liberalizzazioni” del servizio farmaceutico nazionale.

La proposta politica si pone come obiettivo quello di aumentare le opportunità lavorative per i professionisti del farmaco, in un mercato del lavoro sempre più flessibile, in cui le dinamiche cambiano con il tempo e i privilegi del passato non si possono sempre mantenere. Come conseguenza delle liberalizzazioni ci si aspetta anche un vantaggio per il consumatore, con una libera concorrenza di mercato che riduce i costi del farmaco.




Ma attenzione, perché liberalizzare un accesso al lavoro non vuol dire “liberalizzare” il farmaco.
La corretta informazione sull’uso dei farmaci è oggi quanto mai importante, perché sempre più italiani si rivolgono a Google per cercare un farmaco: A cosa serve? Come funziona? Qual è la malattia per cui viene prescritto?

Ma se da un lato internet ha agevolato l’informazione accessibile a tutti, non tutto ciò che si legge è affidabile e sicuro come gli acquisti online, dove i farmaci contraffatti sono in continua crescita. IMPACT Italia è un gruppo di lavoro, attivo dal 2005, impegnato nella lotta alla contraffazione dei farmaci che si presenta così: “Il primo obiettivo di IMPACT Italia consiste nella circolazione e condivisione delle informazioni relative al fenomeno della contraffazione farmaceutica tra tutti gli attori: lo scambio di dati è fondamentale per l'efficacia di investigazioni e iniziative in questo settore”.

La corretta informazione e condivisione delle informazioni in campo farmaceutico è fondamentale per tutelare la salute umana e veterinaria.

Provate a cercare su Google: Si può dare la classica aspirina al cane o al gatto?La domanda è certa ma le risposte che si leggono non altrettanto.

È bene sapere che somministrare l’aspirina al gatto potrebbe essere letale. Non è detto che un farmaco utilizzato per curare il raffreddore, la febbre, il dolore nell'uomo possa essere usato per curare lo stesso sintomo negli animali.

ResVet è un progetto nato un anno fa come progetto di condivisione di Farmacisti e Veterinari che sono impegnati in questo progetto per garantire un’assistenza qualificata e tempestiva, per una corretta informazione in campo farmaceutico.
Tutte le notizie sono libere da ogni interesse privato, con l’obiettivo di offrire notizie e aggiornamenti su argomenti delicati come il trattamento farmacologico in campo veterinario, utilizzando fonti affidabili e sicure.
Si possono consultare liberamente le schede dei farmaci veterinari, trovare con facilità le Asl veterinarie della propria regione e tenersi aggiornati sulla normativa e su molte curiosità che interessano il mondo della veterinaria. Da poco ResVet è anche social con la pagina facebook.

Altra fonte ufficiale e molta attiva nel social con l’account twitter @EMA_News è l’Agenzia dei Medicinali Europea (EMA).
Da tempo ha predisposto online un database per il pubblico, dove si trovano molte informazioni utili sul farmaco: cos’è, a cosa serve, come si usa…
Se invece si vuole conoscere la rimborsabilità di un farmaco o qual è la ditta che lo produce, l’Agenzia del Farmaco Italiano (AIFA) mette a disposizione online un database sempre aggiornato, per una consultazione sicura.

La liberalizzazione del sistema distributivo nazionale del farmaco porterà ad avere più farmacie, parafarmacie, accessi online al farmaco ma questo non si deve tradurre in un accesso più semplice e libero al farmaco: è sempre bene ricordare che “per maggiori informazioni e consigli rivolgetevi al farmacista e consultate il medico se il disturbo non si risolve dopo un breve periodo di trattamento”.



Sito web: www.ResVet.it

ResVet su LikedIn

ResVet su Facebook

Nessun commento: