mercoledì 7 marzo 2012

DONNEOLTRE E AISM CONTRO LA SCLEROSI MULTIPLA


Donneoltrepromosso da AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla, è un progetto che nasce grazie a un pool di donne eccellenti e donne speciali, unite per realizzare progetti per sconfiggere la sclerosi multipla (SM).

Tredici donne, e già sei progetti realizzati, tanti sono in cantiere e stanno per nascere. 


Donne eccellenti e donne manager, con obiettivi ambiziosi, traguardi importanti. Donneoltre e' questo... E' un progetto fortemente voluto da un gruppo di donne dal nome importante e impegnate nel proprio lavoro. Donne che hanno avuto il coraggio di osare e di mettersi a disposizione di AISM - ciascuna nel proprio ambito di riferimento professionale e di influenza personale, mettendo in campo le loro competenze, risorse, passione… per farsi promotrici di azioni e occasioni per sensibilizzare, far conoscere. Donne che intendono rafforzare l'identità di AISM attraverso la propria testimonianza nella comunicazione, per un mondo piu' consapevole sul tema della SM; promuovere la raccolta di fondi a favore della ricerca scientifica AISM sulla SM; per sostenere l’affermazione dei diritti delle persone con SM, per un mondo piu' giusto.


Con un linguaggio semplice e diretto, medici, ricercatori, ed esperti introducono e illustrano un argomento di interesse per le persone con SM. Guarda i filmati completi sul canale YouTube di www.aism.it





La sclerosi multipla (SM) è una malattia cronica del sistema nervoso centrale spesso progressivamente invalidante. E' una delle piu' frequenti cause di disabilita' nelle persone giovani. L'esordio, infatti, e' tra i 15 e i 50, ma spesso si manifesta tra i 20 e i 30 anni. Colpisce piu' le donne che gli uomini con un rapporto di 3 a 1. Oggi non si conoscono ancora le cause della sclerosi multipla ne' una terapia risolutiva. Sono oltre 63.000 le persone in Italia colpite da questa malattia.

Con Donneoltre alcune donne hanno scelto di affiancare AISM nella lotta alla SM. Senza clamori, fianco a fianco, con impegno, pazienza, con determinazione e tanta concretezza.
Roberta Amadeo, Ornella Barra, Cristina Bowerman, Antonella Ferrari, Barbara Frei, Patrizia Grieco, Laura Mantovano, Pina Amarelli Mengano, Paola Perego, Giulia Pirovano, Laura Rambaudi, Gaia Tortora, Nicla Vassallo: sono imprenditrici, sono donne di spettacolo, donne di cultura e giornaliste di successo. Hanno saputo guardare oltre, oltre gli impedimenti posti dalla struttura sociale e dal mondo del lavoro e hanno in comune il desiderio di valorizzare la solidarietà. Vogliono che la loro esperienza sia di ispirazione per tutte…

Antonella Moretti – Direttore operativo di AISM - racconta: "Abbiamo voluto accanto a noi donne che portano avanti grandi progetti. L'invito rivolto a loro èdi aggiungerne uno che puo' cambiare il mondo: quello di pensare a un futuro in cui la sclerosi multipla non faccia piu' paura a nessuno. Abbiamo scelto le donne perche' le donne con SM sono quelle piu' colpite dalla sclerosi multipla quando la loro parte femminile viene modificata dalla convivenza con la malattia, quando nella loro quotidianità subentrano sintomi pesanti come la fatica e il dolore, che mettono a dura prova anche la volontà di prendersi cura della propria famiglia. I sintomi della SM che limitano pesantemente la sfera personale, familiare e lavorativa delle persone".
E' in occasione della Giornata Internazionale della Donna, che Donneoltre viene presentato con un Manifesto di impegno, proprio da quelle donne che ne sono parte e anima.

Un sito  www.donneoltre.com racconta le loro storie, le loro proposte, il progetto Donneoltre.
AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, da oltre 40 anni è l'unica organizzazione italiana che interviene a 360 gradi sulla sclerosi multipla: promuove ed eroga servizi a livello nazionale e locale, rappresenta e afferma i diritti delle persone con SM, indirizza, promuove e sostiene la ricerca scientifica.

Link: 

Per ulteriori informazioni:
Enrica Marcenaro – enrica.marcenaro@aism.it
Francesca De Spirito – francesca.despirito@aism.it


Nessun commento: